COMUNICARE IN INTERNET

LE TRE REGOLE D'ORO DELLA COMUNICAZIONE ONLINE




3 marzo 2021

Le tre regole d'oro della comunicazione online | Stella Pederzoli Blog
Quali sono le regole fondamentali per poter comunicare in modo efficace online, nel sito, nel blog, nei social? Questo post parla di questo.
Tutti noi quando spendiamo energie, risorse, tempo e soldi per comunicare online nei vari canali (sito, blog, social, newsletter) vogliamo una cosa: essere compresi.
Vorremmo si capisse che abbiamo competenza, esperienza, disponibilità. Vorremmo si capisse bene chi siamo e cosa facciamo, come lo facciamo, per chi, dove, quando.
Se no non ha senso scrivere. Non ha senso perdere tempo.

Una delle preoccupazioni più diffuse riguardo all'opportunità di farsi conoscere online è "non ho tempo"; la scusa, la risposta che mi sento dare ogni volta che fornisco un suggerimento è "hai ragione ma non ho tempo"; quando faccio presente che un sito non è aggiornato, che un social è abbandonato: "non ho tempo".
Vedo spesso persone, però, che spendono e sprecano molto tempo.
In internet (costruendosi autonomamente dei siti per risparmiare, ma senza avere poi risultati perché non funzionano, per esempio). Nei social (postando cose senza un filo logico, senza la giusta struttura, a volte alimentando dubbi e polemiche inutili e dannose, per esempio).
Spesso la maggior parte di noi di tempo ne avrebbe, se non lo sprecasse a farsi del male.
Se affidasse ai professionisti quello che non sa fare, se facesse meno ma meglio, se avesse un metodo logico di lavoro.

Come possiamo fare per scrivere e creare contenuti nel web in modo efficace?
Prima di tutto (e sto parlando di chi usa internet per lavoro perché ha un'attività da promuovere, non certo di chi lo usa a scopo esclusivamente privato) dovremmo sapere con precisione chi siamo, quali sono le nostre motivazioni, i punti di forza del nostro lavoro, i punti deboli, per chi lavoriamo, quali problemi risolviamo.
Si chiama personal branding. Sono concetti fondamentali.
Dovremmo anche sapere che tipo di impressione vogliamo trasmettere, quale emozione suscitare, quale riconoscimento.
Ma poi, oltre a questa consapevolezza, a mio parere sono tre le cose che non devono mancare mai: coerenza, empatia, chiarezza.

COERENZA

Quali sono le nostre motivazioni? Come vorremmo cambiare il mondo?
Cosa è per noi importante, nel nostro lavoro?
Io, per esempio, metto al primo posto la semplicità d'uso dei siti che faccio, la chiarezza per chi li visita, l'indipendenza da schemi preconfezionati, la personalizzazione completa.
Ogni cosa che scrivo è funzionale a mostrare che lavoro in questo modo.
Non esco da quel binario. Neppure se apparentemente può sembrare che io parli di altri argomenti.
La coerenza non deve essere rigidità o chiusura. La coerenza deve essere, a mio parere, congruenza con quello in cui crediamo, con quello che per noi è fondamentale.
Possiamo cambiare, evolverci, modificare il nostro modo di lavorare nel corso del tempo, rimettere in discussione qualunque cosa ma, a mio parere, i concetti fondamentali per cui viviamo e siamo quello che siamo, restano.
Le persone ci considerano autorevoli e si fidano di noi quando siamo coerenti.
Hanno bisogno di sicurezza, di capire velocemente chi siamo, cosa facciamo e come, non hanno nè voglia nè tempo di mettere insieme i tasselli di un puzzle che forniamo loro in modo disordinato.

EMPATIA

I concetti che vogliamo comunicare sono importantissimi perché servono a creare empatia.
Sappiamo che chi sceglie un prodotto o un servizio lo fa spinto da un istinto emotivo, cui poi fornisce una giustificazione razionale, ma di fatto, quello che scatta, è un riconoscimento irrazionale.
Riconosciamo in un testo, una descrizione, un racconto qualcosa che ci appartiene, idee simili alle nostre, una visione comune, ma soprattutto riconosciamo la capacità di capire un nostro bisogno e risolvere un nostro problema.
Quindi quando comunichiamo dobbiamo sapere bene a chi vogliamo parlare.
Chi si occupa di marketing direbbe "conoscere il proprio target". Studiare una nicchia. Essere consapevoli di quali dubbi, incertezze, paure si faccia carico chi può avere bisogno di noi.
Solo così troveremo le persone giuste con cui lavorare, quelle con cui saremo in sintonia, che sapranno apprezzare quello che facciamo col nostro lavoro.
Non dobbiamo aver paura di scontentare qualcuno.
Spesso, quando siamo liberi professionisti, lo scopo è selezionare, non allargare più possibile, magari un po' a caso, i nostri contatti.
Non abbiamo bisogno di centinaia di clienti. Quasi sempre abbiamo bisogno di pochi clienti adatti a noi, che paghino volentieri il giusto perché in sintonia.
Abbiamo bisogno di collaborazioni continuative, di clienti che ci portino altri clienti.
Tramite la nostra comunicazione, se efficace, avverrà questo processo di incontro.

CHIAREZZA

Il nostro modo di scrivere, la struttura del nostro sito, l'attenzione alla forma sia nel testo che nella grafica, hanno un valore enorme per rendere comprensibile in modo veloce e chiaro il nostro messaggio.
Non dobbiamo far fare al visitatore una caccia al tesoro.
Non dobbiamo lasciare che dopo averci letto abbia più dubbi di prima.
Quello che vogliamo dire lo dobbiamo dire in modo semplice, usando le parole che il nostro target usa. La struttura del testo deve essere organizzata in modo che il senso si capisca senza fraintendimenti.
Dovremmo assicurarci che non ci siano ripetizioni inutili, contraddizioni, divagazioni, che le parole usate siano esattamente quelle che servono non di più non di meno, che ogni paragrafo illustri un concetto chiaro.
Mettendo le informazioni principali all'inizio, formattando il testo, cercando il giusto equilibrio sta spazi vuoti e pieni, tra immagini e testo, andando in profondità anche dilungandoci se l'argomento è complesso, arriveremo sia a chi ha fretta sia a chi vuole approfondire con calma.
Il testo che funziona davvero bene informa ed emoziona, cattura l'attenzione con il racconto, evoca suggestioni, ma non abbandona l'utente alla semplice soddisfazione di aver letto un testo piacevole, gli indica un percorso fornendo informazioni molto pratiche su cosa fare, prima di andarsene, per restare in contatto, per avere aiuto, per acquistare.
La chiarezza consiste anche in questo: "ti spiego chi sono, cosa faccio, come ti posso aiutare, quali competenze ho, ti racconto anche delle cose ma non è semplice intrattenimento, questo è il mio lavoro, tu potresti essere prima o poi mio cliente e ti mostro anche come, perché non abbiamo, entrambi, tempo da perdere, dobbiamo costruire siti che lavorino per noi mentre noi viviamo la vita vera".

Se questo post ti è stato utile condividilo e commentalo in Facebook o Linkedin.

[ Photo by Sead Dedic on Unsplash ]

 






Vuoi ricevere la mia newsletter mensile? ISCRIVITI QUI
Avrai un work-book in regalo: "le 9 domande fondamentali", che ti sarà molto utile se vuoi avere un sito internet ma non sai da che parte cominciare, e riceverai informazioni, consigli, offerte riservate.

Hai bisogno di aiuto per il tuo sito web? Visita il mio sito decodo.it con tutti i miei servizi e poi, per cominciare, prenota la tua CONSULENZA ONLINE GRATUITA.



Cosa è la call to action | Stella Pederzoli Blog
COSA È LA CALL TO ACTION
26 aprile 2021
Meglio i social o il blog per fare marketing? | Stella Pederzoli Blog
MEGLIO I SOCIAL O IL BLOG?
15 febbraio 2021